Conoscete l’Ikigai?

Lo sapevate che ci sono 5 zone nel mondo in cui gli abitanti hanno un longevità eccezionale?

Ma cosa fanno queste persone di così diverso dagli altri?

Scopriamolo insieme…

Tra tutte le mie letture ho trovato il libro di Hector Garcìa e Francesc Miralles intitolato “IKIGAI” 

Siccome avevo visto un video su Ted di un ragazzo che parlava di questa parola Ikigai ovviamente il libro mi ha incuriosito.

Ho scoperto che Okinawa è la prima di queste zone blu in cui gli abitanti vivono più a lungo e in salute soprattutto. Tra i suoi abitanti ci sono molti centenari.

Ma la cosa che mi ha sorpreso non è stato tanto che vivessero tanti anni ma che morissero in salute, quindi per vecchiaia, secondo natura, senza stare male e rimanendo attivi fino alla fine.

Cosa che purtroppo per molti non è così, moriamo sempre prima e per malattia, quindi passando gli ultimi anni soffrendo.

E non so per voi ma per me il solo pensiero è un incubo.

Quindi mi sono chiesta subito: che cosa fanno queste persone?

Ovviamente queste zone di eccezionale longevità sono state studiate e mettendo a confronto come vivevano queste persone hanno scoperto che i segreti erano:

  1. Il modo di mangiare
  2. L’esercizio fisico
  3. Esercizio Mentale
  4. L’IKIGAI – avere uno scopo nella vita
  5. Legami sociali positivi
  6. Ottima gestione del tempo
  7. Poco stress

Quanti ne avete?

Io devo dire sto messa bene, ma su alcuni punti devo lavorarci un po’ meglio!

Se non siete messi bene vi consiglio di leggere questo libro e per chi non ha voglia di leggerlo vi racconto quali secondo me sono i punti più importanti per vivere più a lungo e in salute 

Queste persone quando mangiano seguono la regola dell’80% cioè smettono di mangiare quando sentono che il loro stomaco è pieno per l’80%.

La loro dieta è povera di carne e cibi industriali e ricca di cibo sano e antiossidante.

E fin qui probabilmente lo sappiamo tutto che sarebbe meglio mangiare poco e preferire tanta verdura piuttosto che patatine fritte. 

Quindi devo dire che non mi ha stupito la cosa.

Un’altra cosa che io conoscevo già,  è la necessità non solo di fare attività fisica ma anche mentale.

E attenzione perché per attività fisica si intende muovere il corpo evitando di stare troppo seduti o sdraiati, tenerlo attivo, senza attività eccessive. E qui molti che fanno tanta attività fisica non saranno d’accordo ma oltre un certo livello di attività fisica il corpo invecchia. 

E’ sull’esercizio mentale che cadono molti.

Per rimanere in forma e vitali è fondamentale che il nostro cervello abbia continuamente stimoli. 

Fare le cose come sono sempre state fatte e evitare i cambiamenti porta a invecchiare prima.

Uno dei più grandi problemi sono le abitudini, la routine!

Faccio una digressione io… Uno dei più grandi mali della nostra epoca è l’andare in pensione… so che sembra strano, ma molte persone durante la vita lavorativa hanno talmente sacrificato il loro tempo al lavoro che quando si ritrovano in pensione la loro vita è vuota senza senso senza scopo e questo spesso li porta ad ammalarsi. Quindi è fondamentale anche mentre lavorate ritagliare del tempo per crearsi delle attività extra lavorative qualunque siano scegliete qualcosa che vi piace, In modo tale che quando avrete smesso di lavorare avete qualcosa da fare virgola e se non l’avete fatto è importantissimo quando finisce il periodo di lavoro crearsi qualcosa di nuovo imparare qualcosa di nuovo. 

Tornando al libro…

Più informazioni inseriamo più il nostro cervello crea nuove connessioni e si rivitalizza.

Gli effetti dell’esercizio mentale sono scientificamente provati.

Nel libro c’è la citazione di Breznitz (fondatore del Brain Training) che dice: “cominci a mettere alla prova il cervello con un compito che non hai mai affrontato prima. Ti sembra difficilissimo, ma l’allenamento funziona, perché stai imparando. la seconda volta ti accorgi che fai meno fatica e te la cavi sempre meglio. L’effetto sul tuo stato d’animo è fantastico. Avviene una trasformazione che non influisce solo sui risultati che ottieni, ma anche sulla percezione che hai di te stesso.

Dai 20 anni i neuroni iniziano a invecchiare ma si può rallentare il processo con l’esercizio mentale, la curiosità e la voglia di apprendere.

Attenzione allo stress.

Lo so che uscire dalla zona di comfort può essere stressante. E che la maggioranza dei problemi di salute oggi è causata dallo stress. Più siamo stressati e più invecchiamo. Quando siamo molto stressati il nostro sistema immunitario reagisce, attaccando anche alle cellule sane.

Però un po’ di stress fa bene. Quando siamo stressati le ghiandole surrenali rilasciano adrenalina e cortisolo, il corpo si prepara l’azione, quindi sono fondamentali per affrontare le difficoltà quotidiane. Il problema sorge quando questo stress si prolunga nel tempo provocando tutta una serie di patologie. Quindi ottimo lo stress per superare le sfide ma poi è necessario rilassarsi.

il problema è che molto spesso le persone saltano questo passaggio.

Anche perché essere stressati fa mantenere livelli di cortisolo molto alti e incide anche sul sonno e ovviamente su la vita quotidiana.

Un’altro segreto per vivere più a lungo è quello di dormire bene, perché quando dormiamo produciamo la melatonina che ha un elevato potere antiossidante. 

Quindi prima di andare a letto sarebbe ottimo crearsi una routine per agevolare il sonno, quindi smettere di fare tutte quelle attività che ci tengono iper svegli, non bere caffè, evitare di andare a letto a stomaco pieno, e se si fatica a dormire pare degli esercizi di respirazione in modo tale che il nostro corpo si possa rilassare.

Forse fino a qui nulla di nuovo…

Nietzsche diceva: “chi ha un perché per vivere, sopporta ogni come” questa cosa mi è piaciuta tantissimo quando l’ho letta ed è vera, l’altro segreto di longevità è l’IKIGAI, cioè avere uno scopo che ci faccia alzare la mattina.

Scoprire il proprio senso della vita è fondamentale e per ognuno di noi è differente e può cambiare durante il corso della nostra vita.

Tutti noi conosciamo la storia dei campi di concentramento e gli psichiatri constatarono che i prigionieri con maggiore possibilità di sopravvivenza erano i prigionieri che avevano dei progetti da portare a termine fuori dai campi di concentramento e che quindi sentivano di doverne uscire vivi. 

Questa cosa a me fa rabbrividire pensando a che cosa hanno sopportato ma è un esempio perfetto per capire come mai alcune persone vivono più a lungo.

Perdiamo il motivo per cui viviamo la nostra voglia di vivere finisce. se non troviamo un altro motivo per cui vivere difficilmente vivremo 100 anni.

E’ fondamentale capire il nostro scopo di vita.

Altro passaggio fondamentale è “entrare nel flusso di ogni attività”

Molto spesso ci facciamo distrarre da attività che ci danno un piacere immediato come abbuffarci di cioccolata al contrario dovremmo invece cercare di passare tanto tempo a dedicarci a tutti quei compiti che ci fanno entrare nel flusso. 

cosa si intende per flusso: s’intende quei momenti in cui siamo completamente immersi in una determinata attività, in cui dimentichiamo tutto ciò che ci circonda perché siamo talmente concentrati che che non c’è nulla che ti distragga.

Vi è mai capitato di passare del tempo a fare un’attività che vi piaceva molto e non rendervi conto di quante ore sono passate? ecco quando vi è successa questa cosa eravate nel flusso.

quindi per vivere proprio ikigai una delle cose fondamentali è la capacità di immergersi nel flusso. e l’esperienza è così intensa che diventa una cosa estremamente gratificante.

Secondo il ricercatore Owen Schaffer, per entrare nel flusso devono verificarsi 7 condizioni:

  1. sapere cosa fare
  2. sapere come farlo
  3. sapere quanto bene lo stiamo facendo
  4. sapere dove andare
  5. Affrontare sfide ambiziose usare le nostre migliori risorse personali 
  6. essere liberi da distrazioni

quindi è fondamentale trovare delle attività che abbiamo l’apposita di portare a termine ma che allo stesso tempo siano qualcosa che ci sfida che vada oltre le nostre capacita che ci permetta di imparare cose nuove.

Perché le cose troppo facili ci portano alla noia, mentre le cose troppo difficili ci portano alla frustrazione e quindi a mollare.

Altra cosa fondamentale per entrare nel flow e avere degli obiettivi chiari e concreti il concetto di sapere cosa fare come farlo purtroppo spesso non abbiamo obiettivi chiari nella nostra vita.

Importante e non diventare ossessionati dall’ obiettivo altrimenti si esce dal flow, quindi obiettivo ben chiaro e partire con le azioni per raggiungere l’obiettivo, importante ed essere sempre presenti nel momento quindi concentrati sull’attività che si sta svolgendo.

e per poter fare questo è fondamentale concentrarsi su una sola attività per volta senza distrazioni, mantenere quindi il controllo su ciò che facciamo in ogni momento. 

Quindi evitiamo il multitasking quando ci stiamo concentrando su un’attività eliminiamo tutte le possibili distrazioni. 

Allora nel libro ci sono alcune idee per delimitare lo spazio il tempo per eliminare le distrazioni e ampliare le possibilità per entare nel flow, e sono:

  • Nel lasso di tempo in cui hai deciso di dedicare il tuo tempo a questa determinata attività spegni il telefono
  • prenditi un giorno a settimana in cui elimini tutti dispositivi elettronici
  • stabilisci momenti specifici della giornata in cui rispondere alle mail o ai messaggi
  • utilizza tecnica del pomodoro cioè procurati un timer e impegnati a fare una cosa sola nel lasso di tempo scandito dal timer solitamente si consigliano 20:05 di lavoro e 5 di riposo oppure 50 di lavoro e 10 di riposo. l’importante è rispettare pesti cicli
  • Inizia l’attività con un rituale piacevole e terminala con una ricompensa 
  • allena la tua mente A tornare nel qui e ora quando ti accorgi di essere distratto (quindi utilizza delle pratiche che ti aiutano a fare questo come per esempio la mindfulness ho la meditazione)
  • lavoro in un ambiente in cui nessuno ti possa interrompere e se l’ambiente in cui lavori è pieno di distrazioni cercane uno che diventi il tuo posto ideale.
  • scomponi ogni attività in gruppi di compiti quindi per esempio se devi scrivere un articolo e l’articolo prevede delle ricerche organizza il tuo tempo in modo tale che prima fai le ricerche poi prendi gli appunti poi scrivi l’articolo, poi rileggi il testo rilassato sul divano
  • trova all’interno della giornata un orario in cui svolgi tutti i lavori di routine come per esempio mandare delle fatture, fare un bonifico o fare una telefonata

Quali sono i  vantaggi di questo flusso: 

  • avere una mente più concentrata
  • vivere il presente
  • avere meno preoccupazioni
  • percepire il tempo in modo più piacevole
  • avere una percezione di controllo
  • sentirsi più preparati
  • sentirsi più organizzati
  • avere una maggiore chiarezza mentale
  • diventare più produttivi

Quindi se volete vivere più a lungo avere un forte ikigai e riuscire a entrare nel flusso vi permette di avere meno preoccupazioni, crearsi delle abitudini positive e utili per vivere una vita senza avere fretta più organizzata più rilassata sentirsi più energici e vivere con ottimismo, sorridere, sentirsi più soddisfatti di se stessi riuscire a creare delle amicizie più soddisfacenti.

Insomma l’IKIGAI è uno stile di vita, 

Ti permette di sviluppare la capacità di perseverare e lottare per trovare le soluzioni ogni volta che ce n’è bisogno, perché prima o poi i momenti difficili li dovremo affrontare e allenarsi ad affrontare le avversità è fondamentale.

Nel libro vengono affrontati altri concetti ma li lascio alla lettura di chi vorrà leggere questo libro,

ma il libro finisce con le 10 regole dell’Ikigai

ve le riassumo così:

  1. Resta sempre attivo, non andare mai in pensione
  2. prendi la vita con calma, più abbiamo fretta più la qualità della vita si riduce
  3. non mangiare fino a scoppiare, seguite la regola dell’ 80%
  4. circondati di buoni amici
  5. prenditi cura del tuo corpo
  6. sorridi
  7. ritrova il contatto con la natura
  8. dedica momento della tua giornata a ringraziare
  9. vivi qui e ora
  10. segui il tuo ikigai

e io aggiungo per il resto divertitevi.

Francesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: