3 modi per gestire le emozioni

Perchè saper gestire le emozioni è un grandissimo aiuto per vivere una vita più tranquilla e serena?

Quando parliamo di emozioni l’argomento diventa complesso. 

Molte persone cercano di nasconderle, altri le esternano facilmente, altri le tengono dentro fino a scoppiare, altri ne sono sopraffatti.
Non ti sto per svelare i segreti per provare solo emozioni positive perchè questo significherebbe sminuire le emozioni e se qualcuno ti ha detto che è possibile allora ti ha raccontato una bugia.

Lo psicologo John D.Mayer, della New Hampshire University classifica le persone in 3 categorie. 

1 – Gli autoconsapevoli 
Persone consapevoli delle proprie emozioni e dei propri stati d’animo non appena si presentano. Sono persone autonome che tendono a vivere la vita con positività e ottimismo. 

2 – I sopraffatti 
Persone che vengono sommerse dalle proprie emozioni, che prendono il sopravvento della loro vita e portano un senso di negatività nella loro quotidianità. 

3 – I rassegnati Persone che sanno perfettamente quali sono i sentimenti e le emozioni, ma accettano tutti passivamente, senza tentare alcuna modifica. Tipico delle persone depresse. 

Tu in che categoria pensi di essere in questo momento? 

Molto spesso le persone si trovano nel gruppo dei sopraffatti perchè pensano che le emozioni siano delle reazioni e non ci sia la possibilità di controllo.
Ma in realtà non è così, tra l’evento e la reazione c’è sempre una decisione, una scelta che possiamo fare in modo consapevole.
E quindi se in questo momento sei tra i sopraffatti, domani puoi tranquillamente imparare e diventare un autoconsapevole.
E come si può fare? 

il primo passo fondamentale è IMPARARE A RICONOSCERE LE EMOZIONI CHE STAI PROVANDO. 
Sembra una cosa banale, ma ti assicuro che non è così semplice.
Non lo è perchè siamo poco abituati a dare dei nomi alle emozioni che proviamo.
E ce ne sono tantissime!
Durante la tua giornata puoi provare diverse emozioni, puoi passar dalla rabbia, alla frustrazione, alla gioia, alla noia, all’eccitazione e così via…
Ma sai cosa ha scatenato queste emozioni? E come hai reagito? E ti è piaciuta la reazione che hai avuto?
E’ necessario diventare consapevole di cosa stai provando.

Io suggerisco sempre di prendere un quadernino e fare questo esercizio:
– Scrivi l’emozione che hai individuato
– Scrivi il motivo che l’ha scatenata
– Scrivi come hai reagito 

Esempio: 
Emozione: Stress 
Motivo: Mi sono sovraccaricata di lavoro 
Reazione: ero nervosa e ho trattato male la mia famiglia 

Ti consiglio questo esercizio non solo per capire quante emozioni provi e ad imparare a dargli un nome ma anche per capire i motivi per cui hai provato una determinata emozione, puoi fin da subito iniziare anche a “prevenirla”. Cosa voglio dire con questo?
Molto spesso le emozioni che proviamo sono frutto di situazioni per noi difficili da gestire e quindi ti chiedo subito, dopo aver fatto l’esercizio cosa hai pensato?
E se ti chiedessi:
– Come avresti voluto reagire?
– Di cosa avresti avuto bisogno per reagire diversamente?

Inizia a riflettere sui motivi che ti hanno portato a reagire male ad una situazione. 

Seconda cosa da fare se vuoi imparare a gestire le tue emozioni è iniziare a crearle volontariamente. 
Non è possibile? Certo che lo è.
Ti racconto questa storia. Due uomini si incontrano e vanno a comprare il giornale. Appena arrivati all’edicola uno dei due uomini chiede all’edicolante un giornale. L’edicolante gli porge il giornale in malo modo e il signore prende il giornale e lo ringrazia. Appena usciti il secondo uomo gli chiede ma non ti sei arrabbiato per come ti ha trattato? Il primo uomo rispose, perché avrei dovuto? Io voglio essere felice non mi faccio rovinare la giornata da un’altra persona. Probabilmente avrà dei problemi, mi dispiace per lui.

Una persona autoconsapevole, decide come vuole stare e non lascia il potere agli altri di decidere del proprio umore e delle proprie emozioni.
E come fa?
– Decide come vuole stare in ogni situazione

Come il signore ogni mattina decidete come volete stare, come volete sia la vostra giornata e comportatevi di conseguenza.
L’esercizio che consiglio è: ogni mattina decidi una emozione e vivi come se la provassi ogni minuto.
Quindi se scegli di vivere la giornata in modo ansioso o in modo arrabbiato o in modo sereno o in modo rilassato come ti comporteresti diversamente nei diversi casi? 

Il terzo passo da fare è usare il potere del pensiero. 
Se ti chiedo di ricordare un momento felice, cosa ti viene in mente? E come ti senti?
Se ti chiedo di ricordare un momento triste, cosa ti viene in mente? E come ti senti?

Hai visto che cosa pazzesca?

Hai provato delle emozioni diverse e ti è bastato pensare a un ricordo. Così funziona per ogni cosa, in base a cosa pensiamo le nostre emozioni cambiano.
Quindi se stiamo provando un’emozione e vogliamo cambiarla, basta mandare la mente da un’altra parte.
Certo a volte quando proviamo emozioni molto forti è complicato, ma aiuta a sentirsi meglio
Perché il segreto non è non provare certe emozioni ma lasciarle fluire e poi gestirle.

Francesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: